Kaimug. Thai, fast e gluten free

Se avete cancellato completamente dalla lista dei ristoranti adatti ai celiaci quelli etnici, beh dovreste leggere la mia esperienza da Kaimug a Monaco di Baviera per ricredervi. Ho scoperto questo ristorante/fast food cercando online informazioni sulla celiachia prima e sbattendoci il naso mentre passeggiavo in Sendliger Strasse dopo. Sono ormai passati cinque anni da quando ho scoperto di essere celiaca e ancora oggi non è facile fare i conti con le rinunce, soprattutto se si tratta di viaggiare, provare cibi e sapori nuovi di paesi lontani. Uno dei traumi più grandi infatti, è stato scoprire che la salsa di soia contiene glutine, che non avrei più potuto mangiare gli involtini primavera, gli spaghetti alla piastra, il pane tandoori, il ramen. Per cui potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che a Monaco di Baviera esisteva un ristorante thailandese adatto ai celiaci.

kaimug In realtà di Kaimug a Monaco ce ne sono tre. Uno si trova all’interno del Fuenf Hoefe, un altro in Karlspltaz e quello che ho provato io in Sendigler Strasse. I locali si presentano con un arredamento orientale, tavoli di legno, pareti rosse e arancio, atmosfera talvolta affollata ma rilassante, con possibilità di mangiare all’interno del locale o di utilizzare il servizio take away. La prima cosa che si nota è il menù esposto fuori di fianco all’entrata. I piatti thailandesi senza glutine sono ben visibili perché contrassegnat con la spiga sbarrata, un accorgimento semplice che ti aiuta a sederti al tavolo lasciando fuori dalla porta le paranoie della contaminazione. Altre due informazioni utili sono fornite al simbolo vegetariano e dal simbolino che rappresenta livello di piccantezza dei piatti. Informazioni fondamentale soprattutto nel caso decidiate di consumare un pasto con i bambini. Il servizio è estremamente veloce. All’interno, proprio sopra la cassa, si trova un grande menù come quello che accoglie il cliente all’entrata. Si ordinano direttamente al bancone le portate e le bevande che si intendo consumare e in pochi minuti si è serviti al tavolo.

kaimug

Ho provato sia il curry rosso che il curry verde, ma devo dire che il primo resta il mio preferito. Anche il pollo sullo spiedino con salsa di arachidi è molto gustoso. In quasi tutti i piatti è compreso il riso bianco, ma niente panico, oltre alle bacchettine ci sono le tradizionali posate. I piatti thailandesi possono essere accompagnati da tè e infusi freddi o caldi – buonissimo il tè jasmin – oppure cremosi lassi dal sapore esotico. Il prezzo è davvero economico e il cibo leggero, per cui potete permettervi di provare più portate senza appesantirvi. Ma non è tutto! Ci sono anche alcuni dolci senza glutine da gustare a fine pasto, come le palline di cocco e di banana adatte sia per vegetariani che per celiaci. Personalmente non li ho ancora provati, ma mi incuriosiscono molto per cui credo che presto tornerò con un nuovo post.

 

Informazioni
www.kaimug.de

Dove mangiare “senza glutine” a Monaco di Baviera

marienplatz

Oktoberfest per celiaci? Un miraggio? Una speranza? Sono passati già 3 anni dalla mia esperienza a Monaco di Baviera e devo dire che per una celiaca non è per niente facile vivere nel paese patria della birra. La birra sta al bavarese come il caffè sta al napoletano: è sacra, non si può negare. Read more

Dove comprare “senza glutine” a Monaco di Baviera

pane semi

Finalmente un post dedicato all’acquisto dei prodotti senza glutine a Monaco di Baviera. Se stato programmando una vacanza a Monaco o avete deciso di approfittare dell’Oktober Fest per visitare questa città e siete celiaci, non temete! A Monaco si trovano piuttosto facilmente prodotti senza glutine in supermercati, negozi bio e discount. Anche se, va detto, chi viene dall’Italia potrebbe sentire la differenza perché il nostro paese è probabilmente il paradiso del senza glutine.

In questo periodo di permanenza nella città bavarese sono andata in esplorazione per discount, negozi, negozietti e supermarket alla ricerca di prodotti idonei per celiaci. È emerso un quadro piuttosto rassicurante e sono la prova vivente che a Monaco di Baviera è possibile vivere dignitosamente la celiachia 🙂 (per quanto riguarda locali,ristoranti e pizzerie scriverò un nuovo post).

Ricordatevi che la parola magica da leggere sulle etichette è Glutenfrei, ovvero “senza glutine” e la troverete spesso vicino alla lista degli ingredienti “Zutaten”, oppure ben visibile sulla confezione. Fate attenzione anche agli alimenti tradizionali che a volte possono riportare la dicitura “Kann spuren von Gluten enthalten”, può contenere tracce di glutine.

Come accade anche per i prodotti che acquistate in Italia, a volte troverete prodotti privi di glutine e di lattosio. E troverete con molta, moltissima facilità i prodotti Schär.

Dove acquistare quindi i prodotti senza glutine a Monaco di Baviera?

Supermercati, negozi biologici, discount. Ho letto centinaia di etichette in tedesco, ho imparato che il Camembert di alcune marche riporta la dicitura senza glutine e senza lattosio. Ottimo quindi per chi come me vive con queste due intolleranze. Ho imparato che si può vivere anche senza buoni della asl, ma che averli per chi soffre di celiachia è una gran manna dal cielo. Ho imparato ad apprezzare davvero il riso parboiled, ricco di proprietà e vitamine rispetto al riso tradizionale. Per voi che mi leggete ecco una mini guida all’acquisto dei prodotti senza glutine a Monaco di Baviera.

gallette

REWE

Nei punti vendita Rewe si trova spesso un angolo dedicato al senza glutine, con biscotti e pane confezionato di diverse marche. Troverete affettati, salame e salsicce che riportano la scritta “glutenfrei” e spesso anche quella “laktosefrei”. Ma soprattutto troverete la linea di prodotti Rewe frei von: pane, panini, pasta, cornflakes, merendine. Non tutti i punti vendita sono forniti allo stesso modo, ma devo dire che nel negozio davanti all’Hauptbanhof e nel punto vendita di Leopoldstrasse, ho trovato diverse cose adatte per la mia alimentazione.

DM

Tutti i negozi e supermercati a Monaco di Baviera chiudono alle 8? Non sapete dove sbattere la testa per comprare pane senza glutine? Kein Stress! I punti vendita DM sono aperti fino alle 22 e alcuni restano aperti anche di domenica, come quello di Ostbanhof. Da DM troverete cornflakes senza glutine, pasta, biscotti, snack, pane e molto altro. Troverete i prodotti Schaer, gallette di riso e di mais e persino diverse varietà di latte come quello di mandorle, di riso e di soia.


Vitalia & Alnatura

Sono due catene di negozi in cui è possibile acquistare rispettivamente integratori, medicine naturali, tè e tisane nel primo, frutta e verdura fresche, carne, pane e formaggi, latticini, snack e surgelati nel secondo. Alnatura in particolare offre molti prodotti senza glutine, non solo pasta, pane e snack, anche preparati per dolci tipo i brownies e prodotti etnici. Nel punto vendita vicino a OstBanhof ho trovato diverse cose, anche quelle più introvabili come la salsa di soya senza glutine (tamari), le salse per il pane e alcuni prodotti etnici.

foto 1 foto 4 foto 5


LIDL & Tengelsman

Anche in un discount come Lidl si possono trovare prodotti senza glutine. Il punto vendita di Ostbanhof è piuttosto fornito per quello che riguarda gli affettati e le salsiccie (wurstel). Potete trovare la dicitura glutenfree accoppiata spesso a laktosefree. La stessa cosa vale per Tengelsman, qui ho acquistato speck senza glutine e salame, sempre senza glutine.

Altre info utili:

Un prodotto che si trova spesso e che ho potuto vederlo in ogni negozio, discount e supermarket è la galletta di riso e di mais, anche nella versione ricoperta con cioccolato, fondente, al latte, bianco e allo yogurt e alla fragola. Da Alnatura ho anche visto diversi sorbetti e gelati senza glutine, in qualche Dm e Rewe la base per la pizza senza glutine e prodotti surgelati come pane e lasagne per celiaci. C’è poi un negozio biologico Denn’s Markt in Sendligerstrasse (ce ne dovrebbe essere uno anche vicino alla stazione principale) che tiene molte cose senza glutine, qui ho trovato persino la birra glutenfree. Si trova nel piano inferiore di un centro commerciale con diversi negozi di abbigliamento e di articoli per la casa.

cornflakes

Per quanto riguarda i prezzi, non vi dico niente di nuovo. Sono più o meno gli stessi che trovate in Italia, ma purtroppo si devono acquistare senza l’utilizzo dei buoni. Ho trovato comunque prezzi normali, le gallette semplici ad esempio costano tra gli 0,60 e l’ 1,80. Il latte di soia 0,95 centesimi da Alnatura, quello di riso tra 1,45 e 2,40. Altri esempi: cornflakes di mais senza glutine, confezione da 375g in offerta a 1,75€ prezzo standard 1,95€. Insomma con un po’ di attenzione si riesce a risparmiare qualcosa.

Per il momento è tutto. Aggiornerò spesso questo post con le utlime novità e i negozi migliori in cui acquistare alimenti adatti ai celiaci.
Se avete domande o richieste da farmi contattatemi via mail lasphigadigrano@gmail.com

Buona fine e inizio di settimana!

Una celiaca a Monaco di Baviera

gemüsesuppe
Un post con questo titolo avrebbe dovuto avere come immagine un trionfale boccale di birra bavarese. Ma come sapete, ahimè, non la posso bere. E quindi vi prendete la notizia del mio trasferimento a Monaco di Baviera con la foto di una coloratissima Gemüsesuppe.

Dalla calda Grecia alla fresca Germania in pochissimi giorni. Prima della partenza, non mi vergogno a dirlo, ho fatto scorta di biscotti senza glutine e cornflakes. Non tanto perché avevo paura di non trovare prodotti adatti ai celiaci, quanto per praticità. I primi giorni sono stati un turbinio di impegni ed emozioni e tra la ricerca di una stanza e appuntamenti vari non ho avuto nemmeno il tempo di scovare qualche locale che offre cucina senza glutine. Ma ora che ho una stanza e sono sistemata inizia il bello! Posso godermi la città e scoprirla ogni giorno, e scovare i ristoranti e pub che cucinano gluten frei (sarà questa la parola magica da ora in poi!) o i supermercati che offrono prodotti per celiaci. Ho già adocchiato un paio di posti per la pizza e un ristorante etnico, non vedo l’ora di provarli!

Ovviamente vi racconterò anche come si vive la quotidianità senza glutine, pranzi di lavoro, colazioni e cucina quotidiana. Vi anticipo che sto mangiando grandi quantità di riso, era inevitabile 🙂 . Per il momento è tutto dalla Baviera.

Mi scuso per la mia assenza sui vostri blog, tornerò presto.
Buon inizio di settimana a tutti/e!

Vacanze senza glutine: alla scoperta dell’isola di Zante

agios sostis

Grazie a un viaggio a Zante ho scoperto che le vacanze senza glutine in Grecia sono fattibili anche per i celiaci. La cucina greca è per certi versi simile a quella italiana.
Ci sono tante verdure che consumiamo abitualmente anche noi, spesso nei menù trovate anche le verdure ripiene di carne. Non le ho mai assaggiate, ma credo che siano ottime! Per fortuna mi sono sempre trovata bene perché essendoci molta carne alla griglia ma anche tanto, tantissimo pesce ho avuto la possibilità di scegliere. Il polpo e seppie alla griglia o ripiene si trovano spesso nei menù, così come il polpo bollito, orate, sgombro e altri pesci freschi grigliati e serviti sempre assieme a profumatissimi e giganteschi spicchi di limone. Per cui potete stare abbastanza tranquilli se avete organizzato le vostre ferie in Grecia e soffrite di celiachia.

Come si dice “sono celiaca” in greco

La prima cosa che ho fatto prima della partenza è stato crearmi un piccolo dizionario greco sulla celiachia. In greco la parola glutine si pronuncia “Glutèni”.

Είμαι κοιλιοκάκη = Io sono celiaca
Δεν μπορώ να φάω γλουτένη = Io non posso mangiare glutine
Δεν μπορώ να φάω το αλεύρι = Io non posso mangiare farina

Το πιάτο αυτό είναι χωρίς γλουτένη; = Questo piatto è senza glutine?

Ho tradotto alcune frasi dall’italiano al greco che spiegavano la mia intolleranza e la possibilità di contaminazione. Semplicemente utilizzando google translate ho salvato le frasi sul cellulare e se non riuscivo a farmi capire con l’inglese (pochissime volte perché l’isola è molto apprezzata dagli inglesi e i greci lo parlano correntemente) mostravo semplicemente le frasi sul cellulare al cameriere o al cuoco.

Come ho organizzato la vacanza senza glutine a Zante

Ho prenotato questa splendida vacanza a marzo 2014, con l’aiuto di una segnalazione di Pirati in Viaggio. Oltre al biglietto aereo Roma-Zante, ho prenotato una stanza da Studios Petra per me e il mio fidanzato: camera matrimoniale con un piccolo piano cottura e bagno a Kypseli, non lontano da Tsilivi, a circa 8 km dalla città di Zante. La proprietaria degli Studios, che parla anche un po’di italiano, è stata molto gentile con noi e ci ha offerto molti consigli utili.
Questa zona dell’isola è meno affollata e turistica, molto più genuina e al riparo dalla confusione. Avevamo letto infatti di stare alla larga dalla zona sud dell’isola dove regna il casino e anche il degrado. Dal secondo giorno abbiamo noleggiato uno scooter per spostarci in modo rapido, fresco e agile, nelle varie località dell’isola. Ma veniamo alla questione celiachia e a come l’ho affrontata.

La colazione senza glutine

Inizialmente l’idea era quella di comprare il cibo al supermercato e prepararlo nella cucina in modo da essere tranquilla e serena, al riparo dalle contaminazioni. In realtà non abbiamo quasi mai cucinato perché il cibo è economico, buono e nei menù esistono molti piatti naturalmente privi di glutine.
Lo yogurt greco, denso e compatto è ottimo con il miele di fiori selvatici, è l’unica cosa che abbiamo acquistato in abbondanza per la colazione.
Ecco, per la colazione mi sono organizzata molto bene, ho portato diversi pacchetti di biscotti da casa, i fior di sale della Schär, inseriti in valigia tra pinne e maschera, qualche pacco di gallette di mais (nella mia precedente vacanze senza glutine ho già parlato della comodità di portarsi le gallette in vacanza: sono versatili, leggere e possono essere accompagnate da cibo dolce o salato) e una confezione di pane Schär, quello rustico ai cereali. Insieme a un po’ di frutta fresca comprata dai contadini ho preparato delle colazioni senza glutine fantastiche, leggere e nutrienti, spesso accompagnate da spremute d’arancia.

Cibo e prodotti per celiaci

Nella città di Zante sono riuscita a trovare anche qualche prodotto senza glutine, tipo le gallette di riso ricoperte al cioccolato della marca Mr. Grand, di mais al naturale, sempre della stessa marca  e persino la pasta senza glutine Melissa, che non avevo mai visto prima. Non l’ho assaggiata, ma il fatto di averla vista mi ha alleggerito ancora di più. Probabilmente una certa conoscenza del mondo celiachia c’è anche qui. Non ho sentito l’esigenza di cercare o acquistare prodotti specifici per celiaci, se non le gallette, quindi non saprei dire se esistono negozi appositi.

Cucina greca e piatti senza glutine

La vancanza a Zante mi ha dato la possibilità di scoprire la vera cucina greca e devo dire che me ne sono completamente innamorata. L’isola ha un’economia basata sul turismo e l’agricoltura con immensi boschi di ulivi e di limoni, soprattutto nella zona nord est, che anche la più genuina perché la massa di turisti tende a concentrarsi soprattutto al sud, a Laganas e nei suoi dintorni.
Una cosa che mi ha sorpreso molto è stato il sapore delle zucchine, che appaiono spesso tra i contorni nei menù dei ristoranti. Semplicemente bollite e condite con olio, limone e sale, freschissime e saporite.

L’insalata greca

Non potevo non assaggiare la classica insalata greca con feta, pomodori, olive, peperoni e cipolla cruda, condita con olio di oliva e timo selvatico. Buonissima! Le cipolle sono molto dolci e anche il sapore della feta è più delicato, diverso da quello che compro di solito al supermercato, dal gusto molto più saporito e deciso.

insalata greca

Souvlaki di pollo e di maiale

Grill House e rosticcerie, come i Souvlaki di pollo e di maiale che non sono altro che spiedini di carne fatti marinare per una notte in olio e limone e speziati con timo. Buonissimi! Si può ordinare e portare via o sedersi ai tavoli. In qualsiasi posto andiate ricordatevi di dire che non mangiate né pane né pita! In alcuni locali è abitudine servire la carne insieme alla pita.

souvlaki

Altri piatti della cucina greca che i celiaci possono mangiare tranquillamente sono:

  • Salsa Tzaziki, fatta con yogurt greco, aglio e cetrioli e succo di limone;
  • Dolmadakia Yialantzì, involtini di foglie di vite farciti con riso e conditi con succo di limone,
  • Melintzanosalata, salsa di melanzane
  • Olive di Kalamata, tutte le olive e tutte le verdure non fritte
  • Feta al forno
  • Tutta la carne e il pesce alla brace e allo spiedo

Nel caso ordiniate piatti a base di carne o pesce fate sempre presente che siete celiaci o per semplificare dite che siete allergici alla farina e al grano, informatevi sulla cottura delle verdure e, come sempre, occhio alla frittura! Molti ristoranti utilizzano le patate dei contadini, ma potrebbero comunque essere fonti di contaminazione perché possono friggere piatti contenenti farina. Attenzione anche a polpette e verdure ripiene, potrebbero contenere pane o farina.

Purtroppo ci sono anche diversi cibi che noi celiaci non possiamo mangiare 🙁 come la Moussaka, una specie di parmigiana di melanzane ricoperta di besciamella e la Semolina, un dolce tipico fatto con semolino aromatizzato alla cannella e fritto e la ovviamente pasticceria greca.
Una cosa che potete mangiare però è la Pasteli un dolce fatto con frutta secca, miele e semi di sesamo. Vi consiglio di provare la versione morbida, spesso venduta nei negozi o sulle bancarelle di Zante.

I ristoranti dell’Isola di Zante

I souvlaki di Koko Fresh ci sono piaciuti talmente tanto che siamo tornati apposta a Zante per mangiarli di nuovo, il frequentato anche da molti greci. Offrono insalate, pita con carne, verdure e salsa tzaziki detta Gyros, spiedini e altri tipi di carne cotta allo spiedo. Un altro posto che mi sento di consigliarvi è la Taverna Vardiola a Kypseli, un ristorante cafè carinissimo, con una bella terrazza che si affaccia sul mare. Spesso il giardino sottostante viene affittato per organizzare matrimoni sul mare e l’ultima sera mentre cenavamo abbiamo proprio assistito ai festeggiamenti di una festa tradizionale. Alla Vardiola sono stati molto gentili e hanno preparato dei piatti veramente buoni e senza glutine.  Qui ho assaggiato anche un ottimo polpo alla griglia.

involtini foglie di vite
Dunque, questa è stata la mia esperienza senza glutine in Grecia 🙂 Credo proprio che il prossimo anno andrò a scoprire un’altra isola. Nel frattempo continuate a seguirmi perché ci sono un sacco di novità! Vi aggiornerò presto!