La gastroscopia per la diagnosi di celiachia

Oggi voglio spendere due righe sugli esami da fare per la diagnosi della celiachia: le analisi del sangue e la gastroscopia. Se le analisi del sangue ormai non preoccupano più nessuno, escluso chi ha paura degli aghi, quando si parla di gastroscopia un po’ di tremorino e sudorino freddo viene a tutti.

Ho scoperto di essere celiaca 6 anni fa, avevo 25 anni e feci la gastroscopia insieme a mia madre, anche lei sospetta celiaca.
Voglio subito rassicurarvi: non è niente di preoccupante, non è doloroso ma dà solo un po’ di fastidio. La cosa che dovrebbe tranquillizzarvi è che non dura più di 5 minuti tra entrare, fare l’esame e uscire.
La gastroscopia viene eseguita a digiuno e ci sono due o tre alternative, così almeno mi disse il gastroenterologo.

duodeno_wiki

Come funziona

Potete eseguire l’esame con diversi tipi di sedazione, di solito viene deciso insieme al medico gastroenterologo.
A seconda del livello di sedazione però, nelle ore successive è fortemente sconsigliato guidare, mangiare o svolgere molte altre attività.
In alternativa è possibile usare un anestetico locale spruzzato sulla lingua. Io scegli questa opzione e così anche mia mamma.
Perché? Feci questo semplice ragionamento:

3 minuti di sedazione per fare l’esame, hanno come conseguenza ore e ore di impedimento/handicap psicofisico.
Ne vale veramente la pena? Alle ore di rincoglionimento post esame ci aggiungerei anche le eventuali ore trascorse in sala d’attesa prima dell’esame. Mettiamocene 2 ore di attesa (a stomaco vuoto) come media degli ospedali italiani.
Ripeto, ne vale la pena? Secondo me no, a meno che non si abbiano particolari patologie e in questo caso vi consiglierà il medico.

Il mio esame, ovviamente, fu più veloce dell’attesa. Avevo la gastroscopia alle 11 con mia madre, anche lei futura celiaca, ed eravamo digiune dalla sera prima. Dopo un’ora di attesa continuavo a vedere gente che usciva dalla stanza addormentata su un lettino, non solo persone anziane ma di tutte le età.
Avevo talmente fame che avrei mangiato anche il tubicino della gastroscopia, se solo fosse stato commestibile.
Alle 14 finalmente mi chiamarono. Il gastroenterologo mi pose il quesito sul tipo di sedazione da fare. Ma la mia domanda fu una soltanto:

Quando esco da qui posso anche mangiare? Sì.
Ok. Vada con lo spray.

E non me ne sono pentita.
L’esame consiste nello sdraiarsi su un lettino, mi pare girata di fianco, il gastroenterologo inserisce un piccolo tubo in bocca. Attraverso un monitor i medici raggiungono lo stomaco e la prima parte dell’intestino (duodeno). Da qui prendono un piccolissimo campione (biopsia) per analizzarlo e verificare se siete celiaci. Questo esame serve per valutare lo stato dei vostri villi intestinali.
Durante l’esame il gastroenterologo inserisce un po’ d’aria nello stomaco per vedere meglio il vostro stato di salute. Anche questo passaggio non è assolutamente doloroso, sentirete solo un po’ di fastidio e gonfiore allo stomaco.
La biopsia non è dolorosa, ma per alcuni può essere fastidiosa. Ma provate a pensarla diversamente: ci facciamo tatuaggi, piercing, cerette, partoriamo (noi donne) sono tutte cose estremamente dolorose. Che sarà mai un esame che dura solo qualche minuto?

Fine. L’esame dura davvero pochi minuti.

A cosa serve la gastroscopia

Ricordatevi che questo esame è essenziale per ottenere una diagnosi certa della celichia e poter così usufruire dei buoni per l’acquisto di prodotti senza glutine rilasciati dalla vostra ASL di competenza. Evitare di pagare 3-4 euro per mezzo chilo di pasta, ogni volta che vi viene voglia di farvi uno spaghetto senza glutine, forse vi aiuterà ad eseguire la gastroscopia.

In bocca al lupo!

Altre ricette senza glutine

5 thoughts on “La gastroscopia per la diagnosi di celiachia

  1. Se le analisi del sangue per la celiachia sono negativi bisogna ugualmente gastroscopia per essere più sicuri?

    1. Ciao Ervilia, scusa per il ritardo…mi era sfuggito il tuo commento. Credo che la cosa migliore sia chiedere direttamente al gastroenterologo che ti segue. Lui saprà sicuramente se approfondire o meno con la gastroscopia. Fammi sapere se ci sono novità! Un saluto

  2. , ho riconosciuto la mia sintomatologia in quelle tipiche dell intolleranza al glutine ( a dire il Vero non tanto gastro intestinale , quanto extra: confusione mentale , difficoltà a mantenere L attenzione , formicolio alle mani , mail di testa per me assolutamente sconosciuto per 40 anni, difficoltà digestiva dopo determinati pasti, immediato gonfiore addominale, a volte nausea.
    Esami ematici fatti e: anticorpi antiglu.28 , iGA negativi . Mi hanno prospettato la gastroscopia per chiudere il cerchio . Ho letto e riletto molti casi ma gli antiglut risultavano sempre con picchi molto molto più elevati . Avete già sentito di casi con questi valori effettivamente celiaci ?
    Ah dimenticavo ferro :20
    Ferritina : 4
    Non posso togliere il glutine prima della
    Gastro e stanotte ho avuto crampi e gonfiore .. vertigini . Può essere solo intolleranza o gli anticorpi positivi sono determinanti?

    1. Ciao Anna! A volte l’ho sentito dire, però non so quanto sia attendibile come informazione. Ti consiglio di parlare sempre con gli specialisti per fugare ogni dubbio 🙂 Facci sapere come andrà la gastro e in bocca al lupo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *